Programma conferenza

Panoramica e dettagli delle sessioni di questa conferenza. Seleziona una data o sala per visualizzare solo le sessioni in tale data o luogo. Seleziona una sessione singola per visualizzare i dettagli (con eventuali estratti e download).

 
Panoramica sessione
Sessione
SES/F4: Sessione F4 - Contributi Scientifici
Ora:
Venerdì, 09/09/2016:
14:00 - 15:50

Presidente di sessione: Antonella Nuzzaci, Università degli Studi dell'Aquila
Luogo: Aula O
99 posti

Show help for 'Increase or decrease the abstract text size'
Presentazioni
Keynote

EFFICACIA COMUNICATIVA DEL DIGITAL STORYTELLING: UN CONFRONTO CON LUCIDI POWERPOINT

Marco LAZZARI, Alice PONZONI

Università di Bergamo, Italia

Una sperimentazione d'uso didattico del digital storytelling viene riesaminata e messa a confronto con precedenti esperienze nelle quali si erano adoperate, con obiettivi simili, presentazioni in Power Point. Una valutazione comparativa mostra come il digital storytelling abbia condotto a lavori più efficaci e in linea con le indicazioni delle ricerche sulla psicologia dell'apprendimento multimediale. I risultati vengono discussi per trarne indicazioni utili anche per l'uso didattico delle tradizionali presentazioni con lucidi.


VALUTAZIONE DI INSEGNAMENTI E-LEARNING BLENDED ALL’INTERNO DI UN QUADRO ISTITUZIONALE

Carla FALSETTI

Università Politecnica delle Marche, Italia

Un numero crescente di istituti di istruzione superiore sta adottando un approccio Blended Learning (BL) per l’erogazione di corsi di insegnamento. L’introduzione del BL richiede azioni di sistema, che si attuano a livello di strategia, struttura e supporto. La strategia richiede l’individuazione degli obiettivi ed una definizione di BL; la struttura richiede azioni relative agli aspetti tecnologici, pedagogici e amministrativi, che includono anche forme di governance; il supporto richiede azioni relative alle modalità con cui l’istituzione facilita l’implementazione ed il mantenimento del BL, tra cui elemento distintivo sono le incentivazioni. Per un Ateneo che si trova nello stadio di consapevolezza/esplorazione nell’adozione del BL, azioni di sistema sono una definizione a livello istituzionale di BL, al fine di supportare una politica di diffusione del BL; l’individuazione di indicatori di valutazione di insegnamenti BL, per un miglioramento continuo della qualità.


LA CLASSE VIRTUALE DI LINGUE: SFIDE E CRITICITÀ DELLA MODERAZIONE CONDIVISA

Elisabetta LONGHI

Università di Parma, Italia

Il presente contributo verte su un’esperienza formativa condotta in ambito universitario per lo sviluppo di abilità linguistiche avanzate con l’ausilio del sistema di videoconferenza Adobe Connect. Le stanze virtuali sono diventate il luogo di incontro di classi di diversa nazionalità, animate dall’intento di apprendere in tandem prendendo parte a una lezione comune impostata su una didattica informale di tipo cooperativo. Dal momento che gli atenei coinvolti (Parma, Magonza e Francoforte sul Meno) hanno condiviso non solo studenti, ma anzitutto docenti, si partirà dalla prospettiva di questi ultimi per valutare quale impatto abbia avuto questa co-docenza sulla loro professionalità, in particolare sulle rispettive competenze sociali. Ci si soffermerà, oltre che sui vantaggi evidenziatisi nei due anni accademici di sperimentazione (2014-15 e 2015-16), anche sulle problematiche emerse e sui modi in cui sono state via via affrontate, in modo tale che affiori un quadro abbastanza dettagliato delle sfide alle quali va incontro chi sceglie di introdurre quest’innovazione nella propria pratica di insegnamento. Nella discussione su come sviluppare efficaci strategie di moderazione di tali incontri transnazionali, il focus sarà sempre rivolto sul ruolo assunto dalla tecnologia a supporto della didattica e dunque dalle differenze e affinità tra co-teaching in presenza e a distanza.


CHARLES: AN OPEN-SOURCE CHAT ROOM LEARNING SYSTEM

Edoardo BONTÀ, Giovanni TORRISI, Marco BERNARDO

Università di Urbino, Italia

This work presents ChaRLeS – Chat Room Learning System, a virtual classroom recreating the environment of a physical university classroom within a learning management system. ChaRLeS has been developed to enhance the usability of the textual chat of Moodle, by taking inspiration from the one of Land of Learning. In order to guarantee a good level of portability and performance, ChaRLeS has been designed as a learning tools interoperability (LTI) provider, to be interfaced with Moodle and other LTI consumers, and has been implemented as a real-time web application.


ANALISI COMPARATIVA DI SECONDO LIVELLO DI LMS E COSTRUZIONE DI UNO STRUMENTO DI ANALISI

Silvia MAZZA1, Maria Beatrice LIGORIO2

1Università degli Studi di Parma - Gruppo Spaggiari Parma SpA, Italia; 2Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Università degli Studi di Parma

In questo studio presentiamo un’analisi comparativa di secondo livello di LMS presenti in letteratura. L’obiettivo è individuare le aree su cui puntano le delle piattaforme di e-learning per potenziare l’efficacia dell’apprendimento. A tal scopo abbiamo implementato un’analisi comparativa di LMS utilizzando il concetto matematico-statistico di “leverage”.

L’analisi è articolata in quattro fasi: a) osservazione e confronto di obiettivi e risultati degli studi e analisi dei punti-chiave, b) studio dell’analisi dei LMS affrontato da ogni autore, c) studio dei parametri e delle categorie utilizzati nell’analisi dei LMS e relativo esame trasversale a tutte le ricerche con costruzione di un criterio ortogonale di con-fronto di LMS, d) applicazione dello strumento di confronto agli studi comparativi.

I risultati ottenuti mettono in evidenza l’importanza dell’interazione nei contesti di apprendimento; infatti, il leverage di un LMS su cui si punta maggiormente è la funzione collaborativa e interattiva, ritenuta efficace per ottenere risultati nei percorsi di apprendimento.


DIGITAL DIORAMA: UNA RISORSA MULTIMEDIALE VERSO UNA DIDATTICA INNOVATIVA E INTERDISCIPLINARE

Antonella PEZZOTTI, Annamaria POLI, Alfredo BROGLIA, Paolo FERRI, Annastella GAMBINI

Università degli Studi di Milano-Bicocca, Italia

Il progetto Digital Diorama consiste nella digitalizzazione di alcuni diorami presenti nei Musei di Storia Naturale italiani e nella loro trasformazione in interfacce interattive fruibili mediante la LIM (Lavagna Interattiva Multimediale). I Digital Diorama diventano così veri e propri ambienti di apprendimento da esplorare mediante un percorso creativo: a partire da una immagine centrale si possono selezionare alcuni particolari che si “trasformano” in hotspot. Si attiva così un’esplorazione dell’ambiente rappresentato a diversi livelli di approfondimento: emozionale, informativo, di collegamento a tematiche biologiche importanti, di collegamento a aspetti della vita quotidiana.

Per indagare l’efficacia didattica di questo “dispositivo” è stata effettuata la sperimentazione i un Digital Diorama prototipo che ha previsto il monitoraggio e l’osservazione del lavoro in una classe, la conduzione di focus group con gli insegnanti, la raccolta e l’analisi dei prodotti realizzati dagli studenti. I risultati sinora raggiunti saranno ulteriormente arricchiti e implementati. Già fin d’ora, tuttavia, possiamo tuttavia stimare un risultato positivo che sfocia in un’ampia richiesta di partecipazione da parte delle scuole.



 
Contatti e informazioni legali · Indirizzo contatto:
Conferenza: EMEMITALIA 2016
Conference Software - ConfTool Pro 2.6.110
© 2001 - 2017 by H. Weinreich, Hamburg, Germany